War Landscapes

#extraGrigio: Alfredo Macchi ospite di una serata speciale [14 gennaio ore 20]

Siamo lieti di iniziare il nuovo anno con un “#extraGrigio” veramente speciale: una serata dedicata ad un ospite d’eccezione, il giornalista e fotografo Alfredo Macchi.

Tutti abbiamo visto almeno qualcuno dei suoi servizi realizzati per la Rai e Mediaset e sicuramente abbiamo letto i suoi articoli sul Corriere della Sera o su L’Espresso, ma la sera del 14 gennaio conosceremo Alfredo Macchi in veste di fotografo. Ci presenterà il suo ultimo libro fotografico “War Landscapes – Paesaggi di Guerra“: 100 immagini in bianco e nero realizzate nell’arco di 15 anni, durante i suoi tanti viaggi in zone di guerra. Non si tratta di immagini “della guerra”, ma i drammatici “paesaggi” che la guerra si lascia dietro, dopo la sua onda distruttiva e la sua scia di morte.

“Ho scattato tantissime foto di disperazione, urla e dolore” spiega l’autore, “ma per questo libro ho scelto immagini di paesaggi, luoghi segnati dalla distruzione e dagli effetti della guerra. Un modo, spero, per riflettere lontano dal rumore e dalle emozioni su tutti i conflitti dell‟epoca contemporanea”

War Landscapes

Il suo racconto ripercorre i luoghi visitati durante la realizzazione dei suoi servizi: dalle rovine di Kabul nel 2001 alle case sventrate del Libano del Sud nel 2006, dalle città fantasma della Libia in rivolta nel 2011 ai campi profughi del Sud Sudan e dell’Iraq di questi giorni. Le sue immagini non voglio parlare tanto della guerra, quanto della sua inutilità e di come sia assurdo pensare che la guerra possa portare a qualcosa di positivo.

“Qualcuno sostiene che i grandi imperi siano diventati tali con la guerra. Non è vero. La guerra non costruisce, ma distrugge. Distrugge le vite degli uomini, le loro abitazioni, i loro monumenti, le loro città. E la natura, il paesaggio, la bellezza. Le grandi civiltà che si sono sviluppate grazie alla cultura, alla convivenza pacifica, alla lungimiranza di chi le governava. La guerra è sempre stata un passo indietro nella storia. Le rovine che si ergono sui campi di battaglia ne sono una prova”

Un grande progetto quello di Macchi: raccontare un lato diverso della guerra rispetto a quelli che emergono durante il periodo più caldo degli scontri, quegli aspetti che si trova a raccontare in diretta a tutti noi con il suo lavoro di giornalista televisivo.

Un progetto racchiuso in un libro fotografico (Tempesta Editore) che, nonostante sia uscito solamente a maggio scorso, ha già ricevuto moltissimi riconoscimenti internazionali:

  • Medaglia d’argento categoria al PX3 2015, Prix de la Photographie de Paris
  • Primo premio categoria all’IPA 2015, International Photography Awards
  • Finalista al New York Photo Festival 2015
  • Primo classificato categoria Libri Fotografici al MIFA 2015, Moscow International Foto Awards

Un’occasione da non perdere per poter scoprire il progetto di Alfredo Macchi ed avere la possibilità di porre domande e confrontarsi con il fotografo.

 

APPUNTAMENTO GIOVEDI’ 14 GENNAIO ORE 20.00

presso il Teatro dello “Spazio IF” di Via Nomentana 1018
(3 minuti dall’uscita “Nomentana” del GRA)

(in fondo alla pagina ulteriori indicazioni)

L’autore:

Alfredo Macchi, giornalista e fotografo, ha collaborato con diverse testate ed emittenti radiotelevisive (Corriere della Sera, L’Espresso, Rai 1, Radio Popolare) da Milano e da New York. Lavora nella redazione NewsMediaset. Ha seguito alcuni fra i più importanti eventi di cronaca nazionale ed internazionale degli ultimi venti anni. Nel 2011 ha raccontato da Tunisia, Egitto e Libia le rivolte della Primavera Araba per Tg 5, Tg 4, Studio Aperto e TGcom 24. Ha scritto Rivoluzione SPA. Chi c’è dietro la Primavera Araba (Alpine Studio Editore, 2012) Ha realizzato reportage per il settimanale Passworld e per Storie di confine su Rete 4, per Live! su Italia 1 e per Terra! su Canale 5. Ha vinto il Premio di Giornalismo Saint-Vincent (2002), nel 2009 il Premio Ilaria Alpi per il miglior reportage italiano breve, il Premio Marco Luchetta (2010), il Premio Guido Carletti (2011) e il Premio Enzo Baldoni (2011). Nel 2012 ilPremio Città di Anguillara e il “Fiorino d’argento” al XXX Premio Firenze. Nel 2013 il Premio “il Molinello” per il giornalismo e il Premio “Giornalisti del Mediterraneo” per la fotografia.

 

INFO

Ass. Fotografica "Grigio18%"L’incontro si terrà presso il Teatro dello Spazio IF di Via Nomentana 1018 (a 3 minuti di auto dall’uscita “Nomentana” del GRA). In alternativa puoi calcolare il percorso arrivando con i mezzi pubblici. L’ingresso è libero e gratuito, sia per i Soci dell’Associazione Grigio18%, sia per quanti altri vorranno essere presenti alla serata. La capienza del teatro è di 50 persone, raggiunto questo numero non saranno ammesse altre persone alla serata. Vi consigliamo di riservarvi l’ingresso scrivendo una mail all’indirizzo info@grigio18.com

L’inizio della serata è previsto per le ore 20.00 di martedì 14 gennaio 2015.

C’è un ampio parcheggio per le auto dal quale si può raggiungere il Tetro semplicemente attraversando la via Nomentana (vedi cartina).

 

 

le immagini sono di Alfredo Macchi

Un pensiero su “#extraGrigio: Alfredo Macchi ospite di una serata speciale [14 gennaio ore 20]

I commenti sono chiusi.