Il Monte Camicia visto da Monte Bolza

FOTOTREKKING: l’anello di Monte Bolza (Campo Imperatore)

In montagna fotografando

domenica 18 ottobre 2015

L’anello di Monte Bolza (1904m) da Campo Imperatore. Il più bel panorama sul Gran Sasso e sul piccolo Tibet d’Abruzzo

A cura di Giulio Speranza
Canyon di Monte Bolza
Il canyon di Monte Bolza

Un giro ad anello che, partendo da un canyon reso famoso da alcuni film western, ci condurrà sulla cima (anzi, sulle cime!) di Monte Bolza, probabilmente il più bel balcone su Campo Imperatore e le cime meggiori del Gran Sasso.

INFO

  • A chi è rivolto: escursionisti appassionati di fotografia.
  • Quando: domenica 18 ottobre 2015
  • Dove: anello di Monte Bolza da Campo Imperatore
  • Quote: partenza 1570m circa, Cima di Monte Bolza 1927m, Monte Bolza 1904m.
  • Dislivello in salita: 400m circa + alcuni saliscendi
  • Difficoltà: media
  • Tempo di percorrenza intero giro: 4/5 ore soste comprese
  • Appuntamento: ci vedremo presso il parcheggio del centro commerciale “Metro”, uscita “La Rustica” del GRA. Per sapere l’ora dell’appuntamento, completa il modulo di iscrizione a questo link oppure in fondo a questa pagina.
  • Rientro a Roma: ore 17:30 circa
  • Pranzo: al sacco
  • Abbigliamento: scarponi, un pile/maglione e giacca a vento, racchette da trekking vivamente consigliate.
  • Attrezzatura fotografica: fotocamera compatta/bridge/mirrorless o reflex con un obiettivo tuttofare e al massimo un telezoom.

ADESIONI

Per partecipare all’uscita è necessario compilare il modulo presente a questo indirizzo. L’attività non prevede costi ed è rivolta a tutti i soci.

Indicare la vostra adesione è fondamentale anche nel caso in cui fossimo costretti (ad esempio per il brutto tempo) ad avvisare tempestivamente i partecipanti del rinvio dell’uscita!

Programma e info estese sull’escursione

Monte Bolza si presenta come una corta dorsale che emerge dal vasto pianoro ondulato noto come “Piccolo Tibet” d’Abruzzo, ai margini sudoccidentali del Massiccio del Gran Sasso. La cresta culmina in due cime (Monte Bolza e Cima di Monte Bolza), situate alle due estremità della dorsale. La sua posizione e la quota più elevata rispetto alle colline circostanti permettono di godere di un punto di vista veramente unico su tutto Campo Imperatore e sulle cime maggiori del Gran Sasso. L’accesso relativamente agevole e la presenza ai suoi piedi di un piccolo canyon reso famoso da film come “Trinità” lo rendono un’escursione estremamente piacevole ed agevole, costantemente panoramica e poco frequentata.

Campo Imperatore visto dalla cima di Monte Bolza.
Campo Imperatore visto dalla cima di Monte Bolza.

Si lascia la macchina lungo la carrozzabile di Campo Imperatore, subito dopo un ponte su una fiumara calcarea (venendo da Assergi), poco prima del bivio per la Vetica di Monte Camicia. La rocciosa vetta di Monte Bolza è già evidente verso S, così come il resto della dorsale. Si scende in una vallecola lungo una traccia che in breve porta sul fondo del piccolo canyon che incide la base della montagna. Si prende quindi verso dx, percorrendo l’interessante e tortuosa forra, il cui fondo è occupato dalla fiumara, quasi sempre secca, proveniente dal Monte Camicia e dal Monte Prena. In alcuni tratti pareti rocciose compatte e pinnacoli dalle forme fantasiose chiudono entrambi i lati del canyon. Questi luoghi hanno ispirato diversi film western all’italiana, tra cui il celebre “Trinità”. Percorso l’ultimo tratto della forra (che a volte può essere allagato) si devia a sx e si sale in diagonale lungo il pendio erboso, guadagnando quota rispetto al piano. Subito la vista verso il Monte Camicia, il Monte Prena e il resto di Campo Imperatore con il Corno Grande sullo sfondo si amplia. Dopo un tratto più pianeggiante con bellissimi pascoli ondulati si riprende a salire più decisamente puntando alla Cima di Monte Bolza. Con vari zig zag sul pendio aperto si guadagna quota e si arriva infine ai 1927m della cima. Panorama incredibile su tutto il Gran Sasso e Campo Imperatore, sul Tibet d’Abruzzo e buona parte dell’Appennino Centrale. Ci si trova ora all’estremità nordoccidentale della dorsale. Da qui si inizia a percorrere la bellissima ed agevole cresta erbosa, sempre estremamente panoramica sia verso N che verso S, puntando alla rocciosa ed aguzza seconda cima di Monte Bolza. Dopo alcuni saliscendi non faticosi la cresta inizia a farsi più rocciosa ed impervia e richiede un passo un poco più sicuro (N.B. la percorribilità di quest’ultimo tratto dipenderà dalla composizione del gruppo). Ci si trova quindi di fronte ad un disagevole pinnacolo roccioso che si aggira sulla sx per poi salire faticosamente le ultime roccette che in breve ci portano sulla vetta. Al solito vista magnifica, ora anche verso SW e il paese di Castel del Monte. La discesa avviene dapprima tornando un poco indietro lungo l’ultimo tratto di cresta e poi prendendo in decisa discesa per il ripido pendio erboso verso N. Dopo un po’ la pendenza diventa più moderata per digradare infine su piacevoli pascoli solcati da piccole vallecole. Si prende una di queste, che in breve ci riporta al canyon e alla macchina.

La cresta di Monte Bolza
La cresta di Monte Bolza

N.B. La conferma dell’escursione è subordinata alle condizioni meteo! In caso di brutto tempo l’escursione verrà rimandata o annullata, seguite gli aggiornamenti!


Giulio Speranza, dottore di ricerca in geologia e fotografo freelance, è appassionato di montagna fin da bambino. La sua meta preferita è l’Appennino Abruzzese, che frequenta spesso in tutte le stagioni dell’anno. Dal 2003 raccoglie le sue esperienze in montagna sul sito www.montegeolgogo.com e sulla relativa pagina facebook.

Montegeologo.com

Pagina facebook del Montegeologo

Time2Photography